ASSICURAZIONE MEDICA E DI VIAGGIO

Assicurazione medica e di viaggio

Premessa

In questo articolo vediamo di chiarire un po’ la situazione sull’assicurazione medica e di viaggio.
Questo è uno degli argomenti più discussi su Facebook e sui vari forum di viaggio.
È un argomento importante ed è fondamentale che ogni viaggiatore conosca come funzionino queste assicurazioni per poter poi prendere la propria decisione in maniera consapevole (assumendosi più o meno rischi).

A cosa serve l’assicurazione medica e di viaggio?
Bisogna fare l’assicurazione medica anche per i viaggi in Europa?
Io sono sano come un pesce, perché dovrei stipulare un’assicurazione medica?
Come scegliere un’assicurazione medica e di viaggio?
Quali massimali servono per l’assicurazione medica e di viaggio per gli USA?

Queste sono alcune delle domande più frequenti che vengono fatte su questo argomento.
Vediamo di dare delle risposte in questo articolo.

N.B.

Quando si parla di assicurazioni si ha sempre ha a che fare con regole specifiche e limitazioni che variano da caso a caso.
Di seguito vi riporto le mie conoscenze e un riassunto generale dell’argomento.
Vi ricordo che prima di acquistare qualsiasi polizza è indispensabile consultare bene le condizioni contrattuali per capire cosa è coperto e verificare se è adatta al vostro caso.

Indice:
Cosa è un’assicurazione medica e di viaggio?
A chi serve questa assicurazione?
È necessaria anche in Europa?
Tipi di assicurazione medica e di viaggio
Come scegliere un’assicurazione medica e di viaggio?
Qual è il costo di un’assicurazione?
Consigli vari sull’assicurazione medica
Quale assicurazione scegliere?

Cosa è un’assicurazione medica e di viaggio?

Come tutte le assicurazioni, l’assicurazione medica e di viaggio è un mezzo per tutelarsi nell’eventualità che accadano alcuni imprevisti.
In questo specifico caso si tratta di imprevisti avvenuti in vacanza o mentre si è in viaggio.

Detto ciò, dobbiamo fare subito una piccola distinzione.
Esiste una differenza tra assicurazione medica e assicurazione medica e di viaggio.

L’assicurazione medica si occupa di tutelare solo eventuali problematiche legate alla salute.
L’assicurazione medica e di viaggio, oltre a coprire imprevisti inerenti alla salute, in genere copre anche altri aspetti legati al viaggio come possono essere la perdita o danni ad un bagaglio, eventuali compensazioni in caso di ritardo dei voli, assistenza legale, responsabilità civile in caso di danni a cose o persone etc.

Al momento della scelta dell’assicurazione, il viaggiatore può decidere se tutelarsi solo per la salute o anche per altri aspetti inerenti al viaggio.
Da ciò si può già intuire che l’argomento “Assicurazione medica e di viaggio” è molto amplio e interessa moltissimi fattori.

A cosa serve l'assicurazione medica e di viaggio?

Chi dovrebbe stipulare un’assicurazione medica?

La risposta a questa domanda è complessa, ma la risposta breve è: tutti i viaggiatori!
Qualsiasi viaggiatore dovrebbe avere un’assicurazione medica per far fronte ad eventuali imprevisti in viaggio!

La classica frase che si sente dire “Sono sano come un pesce, non mi ammalo mai” dimostra un’infinita incoscienza e ignoranza.

Una persona può godere di buonissima salute, ma gli potrebbe capitare di prendere una storta mentre sta scendendo da un treno e potrebbe rompersi un arto nella caduta.
Chiamatela sfortuna o quello che volete, ma questo può succedere a chiunque.
Anche a quelli sani come un pesce.

Ci tengo ad essere molto schietto su questo argomento perché spesso sento giustificazioni e risposte assurde.
In alcuni Paesi la sanità ha dei costi elevati (ad esempio Stati Uniti e Canada) e un minimo imprevisto potrebbe costare qualche migliaio di euro! In casi gravi addirittura più di cento mila euro! Avete letto bene, anche più di 100.000€!

Chi è l’incosciente che decide di rischiare e di andare incontro a dei rischi del genere?
Purtroppo ce ne sono veramente tanti, ma se state leggendo questo articolo sono sicuro che non siete tra questi e avete capito che non vale la pena di rischiare.

Le assicurazioni di viaggio supplementari su bagagli, ritardi dei voli etc. le considero un qualcosa in più e possono non essere necessarie o indispensabili per tutti, ma l’assicurazione medica dovrebbe essere considerata obbligatoria quando si viaggia.

Devo fare l’assicurazione medica anche per i viaggi in Europa?

Non vi piacerà sentirvelo dire, ma anche per i viaggi in Europa sarebbe consigliato stipulare un’assicurazione medica per stare tranquilli.
Vi spiego il perché.

Ogni cittadino italiano ed europeo possiede una Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM). Comunemente in Italia la chiamiamo “tessera sanitaria”.
Questa tessera sanitaria TEAM permette di avere accesso ad alcuni servizi sanitari quando si è in viaggio in Europa.

Mostrando questa tessera TEAM negli ospedali dei Paesi aderenti è possibile ricevere assistenza di pronto soccorso in caso di incidenti o imprevisti in viaggio.
La tessera TEAM, però, non va confusa e non sostituisce un’assicurazione medica (ad esempio non copre le spese di rimpatrio).
Questa tessera dà accesso ad interventi di emergenza, ma non garantisce un’assistenza sanitaria gratuita.

La sanità funziona in maniera diversa a seconda del Paese europeo in cui ci si trova.
In alcuni casi bisogna pagare in anticipo le spese mediche (anche mostrando la tessera TEAM) e poi si potrà richiedere un rimborso in seguito.

Riprendiamo in considerazione l’esempio precedente.
Facciamo finta di essere su un’isola all’estero (da qualche parte in Europa). Mentre stiamo scendendo dal bus cadiamo e ci rompiamo una gamba.
Andiamo al pronto soccorso dell’ospedale, mostriamo la tessera sanitaria TEAM, ci viene fornita assistenza medica, la gamba viene ingessata e veniamo dimessi.
A questo punto siamo costretti ad anticipare il rientro in Italia (o magari posticiparlo). In questo caso dovremo acquistare di tasca nostra un biglietto per un nuovo volo di ritorno insieme a tutti gli altri costi extra che ne conseguono.
Se, vista la gravità dell’infortunio, dovessimo essere trasportati in condizioni speciali potremmo ritrovarci a pagare un prezzo salatissimo.

La tessera TEAM serve per coprire le emergenze, ma non garantisce la stessa tranquillità e tutela di una buona assicurazione medica.
Chi vuole viaggiare con più serenità dovrebbe stipulare un’assicurazione medica anche per i viaggi in Europa.

N.B.

Sono consapevole che moltissime persone viaggiano in Europa senza assicurazione medica.
Non lo ritengo così “grave” come invece chi viaggia al di fuori dell’Europa senza assicurazione, ma, detto ciò, ognuno deve fare le dovute riflessioni consapevole dei potenziali rischi.

Chi viaggia spesso, anche solo per qualche weekend all’anno, potrebbe prendere in considerazione un’assicurazione multiviaggio annuale (un’unica polizza che copre più viaggi, spiegata di seguito nell’articolo).

Oltre all’aspetto riguardante la salute, alcuni viaggiatori potrebbero valutare di stipulare un’assicurazione per i viaggi in Europa anche solo per tutelarsi sul bagaglio, su eventuali ritardi dei voli, per avere tutela legale etc.

Serve l'assicurazione medica e di viaggio in Europa?

Tipi di assicurazione medica e di viaggio

Esistono vari tipi di assicurazioni:

  • Individuale / Famiglia / Gruppo
  • Singola / Multiviaggio Annuale
  • Annullamento / Senza annullamento
  • Viaggi avventura e sport
  • Destinazione

Vediamole brevemente.

1. Individuale / Famiglia / Gruppo

Si può stipulare un’assicurazione singola per un solo viaggiatore, per un’intera famiglia o per un gruppo di persone in caso si viaggi con il partner o con amici.
Nel caso si viaggi in gruppo, è consigliato stipulare una polizza di gruppo piuttosto che singole polizze individuali.

2. Singola / Multiviaggio Annuale

Un’assicurazione singola si riferisce ad un solo viaggio, mentre un’assicurazione multiviaggio annuale può coprire più viaggi e ha una durata di 12 mesi.
La polizza annuale è chiaramente consigliata a chi viaggia spesso, ma a volte potrebbe convenire anche a chi fa solo 2-3 viaggi all’anno all’estero.

N.B.
Con un’assicurazione multiviaggio annuale non significa che si può viaggiare sempre continuativamente per un anno intero.
Nel contratto di ciascuna assicurazione multiviaggio annuale c’è scritto qual è il limite massimo di giorni consecutivi che si può viaggiare.

In molte assicurazioni multiviaggio il limite massimo per ciascun viaggio è di circa 30-45 giorni.
Ciò significa che si può partire per un viaggio di 20 giorni, tornare in Italia per un breve periodo e poi ripartire per un altro viaggio di 30 giorni.

Esistono delle assicurazioni multiviaggio annuali che coprono continuativamente l’intero anno, ma fate attenzione che sia specificato nelle condizioni contrattuali della polizza.

3. Annullamento / Senza annullamento

La polizza per l’annullamento è una copertura opzionale e, molte volte, si può aggiungere alle assicurazioni mediche e di viaggio.
Questa polizza serve per coprire le spese dell’intero viaggio se, in caso di emergenze, non si può più partire.

Ci tengo a sottolineare che le motivazioni per la quali si può richiedere un rimborso per l’annullamento sono in genere motivazioni gravi (ben specifiche e dichiarate in ciascun contratto dell’assicurazione).

Per esempio i motivi per cui si potrebbe richiedere il rimborso per l’annullamento potrebbero essere:

  • Malattia grave, infortunio o morte dell’assicurato o di un famigliare.
  • Licenziamento dell’assicurato.
  • Furto dei documenti d’identità dell’assicurato.

Ogni polizza annullamento è diversa e quindi è sempre necessario leggere tutte le clausole e le condizioni.

N.B.
La polizza annullamento non è una polizza per i ripensamenti dell’ultimo minuto e non può essere applicata in caso di banali influenze!
In genere la polizza annullamento può essere stipulata e ha validità solo se viene fatta con largo anticipo rispetto alla partenza del viaggio (spesso va stipulata almeno 30 giorni prima della partenza).

4. Viaggi avventura e sport

Se avete intenzione di fare sport o attività all’avventura, è necessario cercare un’assicurazione specifica dedicata che copra o che integri quel tipo di esperienze.
Scii, snowboard, bungee jumping, paracadutismo, immersione, equitazione, surf, kite-surfing sono esempi di attività che spesso non vengono coperte nelle assicurazioni mediche e di viaggio standard.

N.B.
Fare attenzione anche all’eventuale copertura per la guida di motorini e veicoli all’estero.
Potrebbero non essere coperti o coperti solo in caso di utilizzo di scooter fino ad una determinata cilindrata (chiaramente in primis bisogna assicurarsi di avere i documenti necessari per poter guidare legalmente in quel Paese, altrimenti l’assicurazione non sarebbe tenuta a rispondere).
Anche qui, come sempre, bisogna leggere le condizioni contrattuali di ciascuna polizza.

5. Destinazione

Nella destinazione bisogna inserire la zona del mondo che include il Paese che si vuole visitare.
In caso si tratti di un viaggio con più destinazioni, bisogna selezionare la zona che comprende la destinazione più lontana.

In ordine di lontananza, dalla più vicina alla più lontana, le zone sono:

  • Europa e Mediterraneo
  • Mondo escluso Usa e Canada
  • Mondo incluso Usa e Canada

Vediamo di seguito qualche esempio di viaggio con le rispettive zone.
Francia: zona Europa e Mediterraneo
Giappone: zona Mondo escluso Usa e Canada
Stati Uniti: zona Mondo incluso Usa e Canada
Giappone e poi negli Stati Uniti: zona Mondo incluso Usa e Canada

N.B.
Spesso al momento della stipula dell’assicurazione, oltre alla zona, bisogna inserire il nome specifico del Paese che si andrà a visitare.
Nel caso di viaggi itineranti con visita di Paesi in zone differenti, inserire il Paese nella zona più lontana.
In caso di viaggi in Paesi della stessa zona, inserire il primo Paese che si andrà a visitare.

Quale assicurazione medica e di viaggio scegliere per gli USA?

Come scegliere un’assicurazione medica e di viaggio?

Dopo aver spiegato cosa è un’assicurazione medica e chi dovrebbe farla, vediamo come sceglierla.

I punti fondamentali da valutare e da prendere attentamente in considerazione secondo me sono:

  • Pagamento diretto delle prestazioni
  • Massimali di copertura
  • Rimpatrio
  • Assistenza 24/7 in italiano
  • Franchigie
  • Malattie preesistenti
  • Destinazione

Vediamoli di seguito uno ad uno.

1. Pagamento diretto delle prestazioni

Pagamento diretto significa che è l’assicurazione stessa a pagare direttamente le cure alla struttura sanitaria.
Questo è un fattore molto importante da considerare in modo da non dover anticipare le spese per le cure mediche (fondamentale se si tratta di importi elevati).
Alcune assicurazioni, invece, agiscono utilizzando rimborsi: in pratica il paziente paga direttamente le spese e poi dovrà richiedere un rimborso all’assicurazione mostrando i vari scontrini dei costi sostenuti.

2. Massimali di copertura

Queste cifre rappresentano i limiti massimi di copertura dell’assicurazione.
Chiaramente più sono alti i massimali, più la copertura è migliore visto che può garantire spese ed eventuali problematiche più importanti.

Le assicurazioni in genere specificano e dividono per categorie le coperture e a ciascuna di esse viene definito un massimale.
Diverse categorie possono essere per esempio: spese mediche, spese odontoiatriche, spese per il bagaglio, spese per la responsabilità civile etc.

A questo punto bisogna stare molto attenti.
Quando si viaggia in alcuni Paesi (es. Stati Uniti) è consigliato scegliere delle assicurazioni con massimali delle spese mediche veramente elevati.
In questi casi, per elevati si intendono coperture mediche pari almeno a 1 milione di euro. Avete letto bene, 1.000.000€.
Come detto precedentemente, in alcuni Paesi la sanità ha costi esorbitanti e per essere tranquilli è necessario cautelarsi con questo tipo di polizze.

N.B.
Molte agenzie di viaggio fisiche ed online (OTA) propongono assicurazioni mediche con coperture molto basse.
Alcune volte queste polizze coprono solamente 10-20 mila euro per le spese mediche.
In alcuni casi questi massimali sono veramente irrisori e non garantiscono una copertura completa.

Fate attenzione quando scegliete l’assicurazione medica: queste polizze potrebbero sembrare un’ottima scelta visto il prezzo economico, ma con dei massimali bassi non si potrà stare del tutto sereni.
Meglio spendere qualcosa in più ed avere un’assicurazione realmente completa che possa coprire diversi imprevisti e dare maggiore tranquillità.

3. Rimpatrio

Per rimpatrio si intende la copertura del viaggio di emergenza di ritorno in caso la persona sia gravemente infortunata o ammalata.
Verificare sempre che sia incluso.

4. Assistenza 24/7 in italiano

Con questo ci si riferisce alla possibilità di poter chiamare e contattare il centralino dell’assicurazione medica in qualsiasi momento della giornata (sia di giorno che di notte 24 ore su 24, dal lunedì alla domenica 7 giorni su 7).
Inoltre, se non si parla bene l’inglese, è importante verificare che l’assicurazione scelta abbia sempre a disposizione degli operatori che parlano l’italiano.

5. Franchigie

Ebbene sì, anche nelle assicurazioni mediche e di viaggio esistono le franchigie.
Il concetto è lo stesso delle franchigie dei noleggi auto o qualsiasi altro tipo di polizza.
In pratica la franchigia rappresenta una parte del danno/problema che non viene ripagato dall’assicurazione, ma deve essere pagato dall’assicurato.

Se ad esempio abbiamo un problema medico quantificabile con un importo di 500€ e per quel problema la franchigia è di 50€, in questo caso il paziente dovrà pagare 50€ mentre i restanti 450€ verranno coperti dall’assicurazione.

Più le franchigie sono basse, migliore è l’assicurazione.
In alcuni casi è possibile abbassare o cancellare le franchigie pagando un premio maggiore per la polizza.

6. Malattie preesistenti

Ultimo, ma non per importanza, le malattie preesistenti (chiamate anche malattie pregresse).
Con malattie preesistenti si riferisce a problematiche e malattie “già in atto” prima della partenza per il viaggio.
Ciascuna assicurazione ha diversi modi per definire queste malattie (in alcuni casi si riferiscono a problematiche presenti già 12 o 24 mesi precedenti al viaggio).

La maggior parte delle assicurazioni non copre le malattie preesistenti.
Ciò significa che l’assicurazione non coprirà le spese in caso di emergenze o complicanze di problematiche preesistenti.

7. Destinazione

Le polizze assicurative a volte non coprono determinati Paesi (a titolo puramente esemplificativo: Afghanistan, Siria, Corea del Nord).
Per maggiori dettagli su quali Paesi sono esclusi bisogna fare riferimento ai contratti delle singole polizze.
Verificate sempre che il Paese che volete visitare non sia incluso nella lista delle esclusioni.

Quale assicurazione medica e di viaggio per l'estero scegliere?

Qual è il costo di un’assicurazione medica e di viaggio?

Il costo dell’assicurazione medica e di viaggio varia e può costare da qualche decina a qualche centinaia di euro.
In casi specifici il prezzo può superare anche 1000€ a persona (ad esempio in caso di polizze super complete, valide per tutto il mondo e per un anno di viaggio ininterrotto).

Il prezzo cambia a seconda di alcuni fattori come:

  • Durata del viaggio
  • Età del viaggiatore
  • Destinazione del viaggio
  • Tipo di coperture (mediche, bagaglio, ritardo voli…)
  • Tipo di polizza (singola, multiviaggio…)
  • Copertura malattia pregresse
  • Franchigie
  • Etc.

N.B.
A nessuno piace sperperare soldi.
Purtroppo quando si deve scegliere ed acquistare l’assicurazione medica e di viaggio molte persone provano proprio quella sensazione.
Capisco che ad alcuni possa sembrare un “acquisto superfluo” dato che la maggior parte delle volte che si viaggia l’assicurazione probabilmente non verrà utilizzata.
Potrebbero sembrare soldi sprecati, ma l’assicurazione va comunque fatta sempre perché basta un solo imprevisto medio/grave per finire in guai molto seri.

Controllate sempre le condizioni della polizza e non fatevi “ingannare” da polizze con prezzi eccessivamente bassi (potrebbero avere delle importanti limitazioni e/o pessime condizioni).

Consigli sull’assicurazione medica e di viaggio

La maggior parte dei contratti di assicurazione medica e di viaggio prevede che la polizza venga stipulata prima di partire per il viaggio.
Ci sono alcune polizze che permettono l’acquisto di coperture anche se si è già in viaggio, ma sono poche e generalmente costano di più proprio perché è già iniziato il viaggio.
Se si vuole considerare anche la copertura per l’annullamento del viaggio, bisogna acquistare la polizza con largo anticipo.

Ricordarsi di stampare e portare sempre con sé il talloncino/certificato assicurativo (con il numero della polizza e il numero della centrale operativa da chiamare).
Meglio avere due copie: una stampata cartacea e una come file sul cellulare insieme alle condizioni contrattuali.

In caso si abbia un problema o un infortunio in viaggio, è necessario chiamare sempre la centrale operativa della propria assicurazione per spiegare l’accaduto prima di dirigersi in ospedale (a meno che non si tratti di super emergenze).
La centrale operativa saprà consigliare la struttura convenzionata e potrà dare delle indicazioni su come comportarsi.

Quale assicurazione scegliere? Qual è la migliore assicurazione di viaggio?

Non esiste un’unica risposta e una singola soluzione che possa andare bene a tutti.
L’assicurazione medica e di viaggio è specifica in base alle esigenze del singolo viaggiatore.
Inoltre, lo stesso viaggiatore potrebbe optare per una polizza differente a seconda anche del Paese o del tipo di viaggio che vuole intraprendere.

Detto ciò, di seguito vi elenco alcune compagnie assicuratrici.

N.B.
Su internet si trovano lamentele e recensioni negative su qualsiasi compagnia assicurativa. Nessuna esclusa.
Ci tengo a sottolineare che in tutti i miei viaggi non ho mai dovuto utilizzare l’assicurazione medica. Non posso riportarvi delle esperienze in prima persona, ma di seguito vi riporto quali sono le assicurazioni mediche e di viaggio che ho valutato e stipulato per i mie viaggi.

Globy Rosso, Rosso Plus e Verde (per malattie pregresse)

Cominciamo dalla scelta “più semplice”.
Come abbiamo detto precedentemente, chi ha delle malattie pregresse ha una scelta piuttosto limitata.
La maggior parte delle compagnie non le copre e di conseguenza non c’è molto da scegliere.

Se si ha la necessità di stipulare un’assicurazione che copra le malattie preesistenti ci si può affidare all’assicurazione Globy di Allianz.
Questa polizza può essere stipulata solo in agenzia: si può andare direttamente in agenzie Allianz o in agenzie di viaggio (non si può acquistare online).

Tra le varie polizze Globy disponibili, coloro che sono interessati a coprire le malattie pregresse possono scegliere tra:

  • Rosso (spese mediche)
  • Rosso Plus (spese mediche e bagaglio)
  • Verde (all inclusive, spese mediche, bagagli, ritardi aerei, cellulare…)

Esistono anche altre polizze Globy come per esempio la Globy Giallo solo per l’annullamento viaggio e la Globy Blu solo per gli infortuni in volo (per maggiori informazioni su tutte le polizze Globy cliccare qui).

La polizza Globy ha un costo maggiore rispetto alle altre, ma è una delle poche e delle più famose a coprire le malattie pregresse dando assistenza in italiano.

Cliccando sui pulsanti di seguito si può fare un preventivo per la polizza base Globy Rosso (spese mediche) o per la più completa Globy Verde (all inclusive).
Per la Globy Rosso Plus e per le altre polizze potete fare dei preventivi selezionandole qui.

ERGO Assicurazione Viaggi

ERGO Assicurazione Viaggi è una compagnia assicurativa del gruppo tedesco ERGO Reiseversicherung AG.
A inizio maggio 2019 ha effettuato un rebranding (precedentemente si chiamava “ERV Italia”).

ERGO offre un’ampia scelta di polizze assicurative di viaggio con assistenza 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. I contratti e le limitazioni delle polizze sono scritti in maniera chiara.

La polizza ERGO (ex ERV) fino al 2016 dava la possibilità di coprire anche le malattie pregresse, ma al momento questa opzione non è più disponibile sulle nuove polizze.

Allianz Global Assistance

Allianz Global Assistance fa parte di Allianz Group ed è una compagnia assicurativa presente in più di 60 Paesi.
Offre una vasta scelta di polizze con call center in italiano disponibile tutti i giorni della settimana 24 ore su 24.

Columbus

Columbus è presente in Italia dal 2010 e ha a disposizione un’ampia offerta di assicurazioni viaggio.
Il sito e l’assistenza clienti sono in italiano 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per tutto l’anno.
I prezzi delle polizze sono piuttosto bassi rispetto ad altre assicurazioni, ma per le spese minori funziona tramite rimborso: le spese devono essere pagate direttamente dall’assicurato che verrà poi rimborsato dall’assicurazione (in caso di ricovero ospedaliero Columbus paga direttamente la struttura).

World Nomads

World Nomads probabilmente è una delle polizze assicurative più famose tra i viaggiatori all’avventura zaino in spalla (backpackers).
Questa assicurazione è diffusa ed utilizzata soprattutto dai viaggiatori che partono per viaggi molto lunghi con durate di parecchi mesi o anche di un anno.

World Nomads è una compagnia assicuratrice australiana e l’assistenza clienti della centrale operativa è prevalentemente in inglese (in caso di necessità si può provare a richiedere un operatore parlante la lingua italiana, ma non è garantito che sia sempre disponibile).

True Traveller

True Traveller è una compagnia assicuratrice inglese e si appoggia ad Allianz Global Assistance.
Anche questa assicurazione offre delle polizze diffuse ed utilizzate soprattutto dai backpackers che si cimentano in lunghi viaggi in giro per il mondo per diversi mesi.

A differenza di altre compagnie assicurative, True Traveller permette di acquistare un’assicurazione medica e di viaggio anche se si è già in viaggio all’estero (la maggior parte delle polizze prevedono che vengano stipulate prima di partire, ovvero quando si è ancora nel proprio Paese di residenza).

Il sito internet e l’assistenza clienti della centrale operativa di True Traveler è completamente in inglese (in caso di necessità si può comunque provare a richiedere un operatore parlante la lingua italiana, ma non è garantito che sia disponibile).

Disclaimer

Questo articolo è una raccolta di consigli e conoscenze generali che ho maturato in questi anni di viaggio e leggendo vari contratti assicurativi. Lo scopo è dare degli spunti di riflessione prima della scelta della polizza.
Detto ciò, non sono un consulente assicurativo né un medico. Per questo motivo declino qualsiasi responsabilità legata alla scelta dell’assicurazione medica e di viaggio e alle informazioni contenute in questa pagina. Vi ricordo di informarvi sempre e di leggere bene le condizioni contrattuali delle polizze prima di fare una scelta.